Cernusco sul Naviglio (MI) | Via Balconi, 34 | Cell. 347.8787486
Psicologa Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Psicoanalitica - Esperta nel trattamento dei Disturbi Alimentari

Classificazione medico psichiatrica

Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentaliI disturbi del comportamento alimentare possono manifestarsi anche nei neonati, prima o dopo lo svezzamento e sono caratterizzati da persistenti anomalie della nutrizione e dell’alimentazione. In base al DSM IV TR* (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali), redatto dall’American Psychiatric Association, i Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione dell’Infanzia o della Prima Fanciullezza vengono raggruppati (su base statistica) in diversi quadri sintomatologici e precisamente: mericismo o disturbo da ruminazione, pica e disturbo della nutrizione dell’infanzia o della prima fanciullezza.

Mericismo o disturbo da ruminazione

Secondo il DSM IV TR è caratterizzata dal ripetuto e consistente rigurgito e rimasticazione del cibo per un periodo di almeno un mese, dopo un periodo di funzionamento normale. L’esordio si situa tra i 3 e i 12 mesi di età ed è spesso preceduto da un disturbo della nutrizione con dissenteria e vomito prolungato e dalla graduale trasformazione del vomito in ruminazione. Nei casi più gravi il bambino perde peso fino a raggiungere una sindrome da maltrunizione che può condurre anche alla morte.

Pica

Secondo il DSM IV TR è caratterizzata dal persistente ingestione di una o più sostanze non alimentari per un periodo di tempo di almeno un mese. L’esordio si situa tra i 12 e i 24 mesi, spesso in bambini con ritardo mentale o con gravi deprivazioni ambientali.

Disturbo della Nutrizione dell’Infanzia o della Prima Fanciullezza

Secondo il DSM IV TR è caratterizzata dalla persistente incapacità di mangiare e alimentarsi adeguatamente (l’anomalia non è però da ascriversi a cause gastrointestinali o mediche generali), che causa mancato incremento di peso o la perdita di peso per un periodo di tempo di almeno un mese. L’esordio si situa nel primo anno di vita, ma lo si osserva durante i primi tre anni, ed è condizione piuttosto comune. Nei neonati ci può essere ritardo nella crescita e sono comuni le alterazioni del ciclo sonno/veglia.

* Si cita ancora il DSM IV TR, nonostante l’uscita del nuovo DSM V, in quanto nella nuove versione del Manuale è stato eliminato il capitolo “Disturbi solitamente diagnosticati per la prima volta nell’infanzia, nella fanciullezza e nell’ adolescenza”, ovvero il capitolo che includeva disturbi come il mericismo o disturbo da ruminazione e la pica. Il disturbo della nutrizione dell’infanzia e della prima fanciullezza, nel nuovo DSM V è stato rinominato disturbo evitante/restrittivo dell’assunzione di cibo.

Back to Top
error: Content is protected !!